Tallinn, capitale medievale

Nell’agosto 2017 decidiamo di visitare le capitali delle tre Repubbliche baltiche, una più spettacolare dell’altra: partendo dalla Lituania, precisamente da Kaunas, arriviamo a Vilnius, la capitale lituana, per passare alla visita della Collina delle Croci e del Palazzo di Rundale, prima di giungere a Riga, la capitale lettone.

Toompea Tallinn

Tallinn, panorama da Toompea

Prima di arrivare a Tallinn, la capitale dell’Estonia, facciamo una sosta alla località balneare estone di Parnu per il pranzo. La città è nota per le sue terme, la lunga spiaggia e le colorate case di legno. La via principale è Ruutli, sulla quale si affacciano splendidi edifici secenteschi.

Parnu

Spiaggia di Parnu

Parnu case di legno e spiaggia

Una delle tipiche case in legno a Parnu

Tallinn ha mantenuto il suo fascino fiabesco, coniugando sapientemente il medievale con il moderno, i grattacieli con le guglie, i centri commerciali con le piazze storiche. Divisa da circa 80 km di Mar Baltico in linea d’aria, da Helsinki, la capitale della Finlandia (che raggiungeremo in traghetto come ultima tappa di questo stupendo viaggio), vicinissima a Vilnius e Riga, le altre due capitali baltiche, poco distante anche da Stoccolma e San Pietroburgo dominata da russi, tedeschi, raggiunge l’indipendenza nel 1991 e da allora non solo la capitale, ma l’intera Estonia punta a diventare uno degli stati europei più moderni.

Il suo centro storico è patrimonio dell’umanità, la città è divisa in parte moderna e parte antica, con numerosi monumenti, ristoranti di alto livello e locali alla moda. La parte medievale è dominata da Toompea, la collina nucleo originario che si affaccia sulla città bassa, All-linn, le due parti sono collegate dalla Via della Gamba Lunga e quella della Gamba Corta, con caratteristiche scalinate e passaggi.

Gamba Lunga a Tallinn

Nella via della Gamba Lunga

Tallinn Via della Gamba Corta

Via della Gamba Corta

Toompea deve il suo nome alla Cattedrale luterana di Santa Maria, la cattedrale di Tallinn. L’altra cattedrale importantissima presente a Toompea, è quella ortodossa russa di Aleksandr Nevskij, con le cupole a cipolla, di fronte al Castello, oggi sede del Parlamento. Questo edificio rosa fu rimaneggiato da Caterina la Grande, ed oggi dell’antico castello sono sopravvissute solo tre torri. Tra queste, quella di Ermanno il Lungo, che svetta con la bandiera nazionale.

Tallinn cattedrale ortodossa

Cattedrale ortodossa russa di Aleksandr Nevskij

Toompea Tallinn

Tallinn, vista da Toompea sulla Città Bassa

Immancabile una sosta al Belvedere di Patkul e in seguito, a quello di Kohtuotsa. Un altro punto panoramico spettacolare, è il Cortile dei Re Danesi, dove si trovano diverse statue di frati domenicani: si dice che i loro fantasmi vaghino qui, dopo la distruzione del loro monastero. Da qui si accede alla Porta d’oro, l’apertura che in passato divideva la parte della città abitata dai più facoltosi, dalla parte bassa, abitata dalla gente comune.

Tallinn Cortile dei Re Danesi

Cortile dei Re Danesi con una delle statue dei frati

La piazza del Municipio è invece il cuore della città bassa, con vari edifici dai colori pastello, la farmacia più antica di tutta Europa, e lo splendido municipio in stile gotico; sulla sua torre svetta il Vecchio Tommaso, la banderuola segnavento tra i simboli della città.

Tallinn

Piazza del Municipio

Passeggiando tra le strade tortuose, tra le gilde (le sedi delle corporazioni dei mercanti), arrivando alle Tre Sorelle (tre abitazioni, così come a Riga avevamo visto i Tre Fratelli) sembra di compiere un viaggio indietro nel tempo, in una capitale che come stile di vita è invece molto tecnologica.

Tre Sorelle Tallinn

Le Tre Sorelle

Altri edifici importanti della città bassa sono la Chiesa di San Nicola, la Chiesa dello Spirito Santo, con l’orologio più antico dell’Estonia, la Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo vicina al monastero di Santa Caterina, la Chiesa di Sant’Olaf e le sue volte stellari all’interno e la Grassa Margherita, un bastione di forma circolare, chiamato così per la sua grandezza, che era a guardia del porto e oggi ospita il Museo Marittimo. Il tutto circondato dalle suggestive mura, con 26 torri rimaste delle 45 esistenti. Una delle torri della cinta muraria si trova a Toompea ed ospita il Museo della Storia Estone, si può anche visitare l’ampio sistema di gallerie sotterranee costruito sotto la dominazione svedese del 1600.

Tallinn

Mura e bastioni

Poco fuori dal centro si trovano diverse attrazioni, come i Giardini Botanici, lo Zoo, il Museo Estone all’Aperto, la Torre della Tv e Palazzo Kadriorg, residenza estiva imperiale russa: se ne può visitare solo una parte, adibita a museo, e lo splendido parco.

Attraversando la Porta Viru, che collega la Città Vecchia con il centro moderno, si raggiunge il famigerato Hotel Viru nel 1972 era l’unico grattacielo presente in città e l’unico albergo per turisti stranieri, controllati dal KGB dalla sua base di spionaggio situata al 23 piano. Oggi si effettuano visite guidate.

Talliinn

Passeggiando per le vie della Città bassa di Tallinn

Una curiosità: secondo la tradizione estone, sembra che sia nata proprio qui l’usanza dell’albero di Natale. Eretto nella Piazza del Municipio nel 1441, uomini e donne ballavano intorno ad esso, in cerca della propria anima gemella. Gli abitanti di Riga in Lettonia, sostengono invece che sia loro il primato del primo albero della storia, ricordandolo con uno stemma sulla pavimentazione davanti alla Casa delle Teste Nere. Questa disputa natalizia va avanti da un po’, in ogni caso il primato dell’albero natalizio, simbolo pagano esportato in tutto il mondo, va sicuramente al Baltico e di questo sono orgogliosi entrambi i paesi, considerandosi come fratelli.

Tallinn New Nordic cuisine

Esperienza culinaria a Tallinn, carne di renna

La gastronomia di Tallinn è influenzata dalla New Nordic cuisine (che abbiamo apprezzato già a Copenhagen) e troverete ristoranti per tutti i gusti e di altissimo livello. Le pietanze più tipiche sono a base di maiale, cavoli, selvaggina, renna, aringhe e patate. Famoso il pane di segale. Possiamo consigliare il ristorante Farm, per gustare ottime zuppe, carni (noi abbiamo assaggiato la renna, sia nella versione classica come secondo, che nella zuppa) e piatti tipici sapientemente mixati con lo stile moderno e i sapori dei boschi estoni: usano molto salse di frutti di bosco e funghi. Abbiamo sostato qualche volta da Kvartal per bere qualcosa tranquilli dopo cena, comunque fa anche da ristorante.

Scorcio di Tallinn

Scorcio di Tallinn

L’Estonia è un paese del Nord Europa, più simile a paesi come la Finlandia e la Danimarca, che alla Lettonia o alla Polonia. Tallinn è una capitale proiettata verso il futuro, pulita, sicura, dove il wireless si è imposto ovunque e le zone sovietiche passano inosservate. Per me merita fermarsi qualche giorno, ma io sono fatta così: anche la città più piccola, quella che la maggioranza visita in un paio di giorni, me la voglio gustare più a lungo, per andare anche nei dintorni o semplicemente vivermela… come abitassi lì. Per questo motivo, nonostante questo primo approccio veloce con le capitali Baltiche organizzato con Otto e Mezzo Viaggi, penso che tornerò in tutte e tre.

Noi abbiamo soggiornato al Kreutszwald Hotel.

Tallinn

Passeggiando per Tallinn

12 risposte a “Tallinn, capitale medievale

  1. Pingback: Vilnius, capitale barocca | Il Passaporto di Gio·

  2. Pingback: Lituania: da Kaunas alla Collina delle Croci | Il Passaporto di Gio·

  3. Pingback: Riga, capitale dell’Art Nouveau | Il Passaporto di Gio·

    • Io ho rimandato per un paio di anni, ci tenevo molto…ma altri viaggi, come te, li rimando da dieci anni e più… Ci vorrebbe il dono dell’ubiquità! Per fortuna non sono ancora città affollatissime, ma i turisti le stanno scoprendo…

      Mi piace

  4. Avevo già letto i tuoi post su altre città e concordo pienamente con te, il viverle come un locale è sicuramente una soluzione vincente! Grazie per i suggerimenti strepitosi per la combinazione pappa/nanna, annoto tutto!

    Mi piace

  5. Pingback: Il Grande Nord: Helsinki | Il Passaporto di Gio·

  6. Pingback: Le tre Repubbliche Baltiche | Il Passaporto di Gio·

  7. Pingback: Sofia e il Monastero di Rila | Il Passaporto di Gio·

Lascia un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...